AMARONE DELLA VALPOLICELLA CLASSICO
DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA

L'Amarone è uno dei più antichi vini italiani.Di "vino amaro" si parlava fin dai tempi di Catullo nel Carme n. 27 (49 circa a.C.) reclama “calices amariores” (bicchieri più amari).  si ritiene che fosse un "recchiotto amaro", scrive G. B. Peres nel 1900, opinione coincidente con quella del Panvinio, che nell'Acinàtico di Cassiodoro riconosce il vino Rètico di Augusto] e nel 1543 si  vengono citati i vini della Valpolicella "neri, dolci, racenti e maturi".Tracce della predilezione per questo vino e per le uve che lo producono si ritrova anche nell'Editto di Rotari che stabiliva pene molto severe per chi arrecava danno alle viti e multe salate per chi rubava i grappoli. Per gli anni successivi al 1000 d.C. vi è traccia di alcuni atti d'acquisto e vendita di vigneti nella zona di produzione di "Amarone della Valpolicella", anzi il vino è considerato al pari del denaro per pagare i diritti feudali. Probabilmente per caso, la produzione di un recioto completamente secco diede origine in passato a questo vino. Ottenuta la DOC nel 1968, l’Amarone ora è una DOCG, e  rappresenta una piccola parte della produzione della Valpolicella. Dai tempi  dei nostri antenati Reti, quasi nulla è cambiato e il metodo di produzione è rimasto artigianale. L'Amarone è un vino ricco di alcol, glicerina e resveratrolo, è un vino che non può essere confrontato con nessun altro al mondo, anche in fatto di longevità. Di colore rosso granato carico, di profumo intenso e secco, si accompagna a piatti di selvaggina, brasati e formaggi stagionati.FAmoso è il risotto all’amatone, abbinato ad altre due eccellenze veronesi, il riso vialone nano e il formaggio monte veronese. Servito fuori pasto è uno straordinario vino da meditazione.


Zona di produzione: Da vigneti collinari situati nel cuore della Valpolicella Classica
Varietà delle uve: Rondinella 10%, Corvina 40%, Corvinone 50%.
Resa: 100 quintali per ettaro.
Maturazione: Tre anni in botti grandi e da 10 a 18 mesi in barriques di secondo passaggio, più 4 mesi di affinamento in bottiglia.
Descrizione organolettica: Colore rosso granato intenso,  il profilo olfattivo del vino  è caratteristico, intenso e al palato risulta di corpo, pastoso e caldo. Sicuramente alcolico, con chiari ricordi di pietra focaia e con sentori di nocciola e legno di quercia. Al gusto asciutto, d'acidità moderata, con gradevole sottofondo tannico, austero e di corpo.
Servizio: 16° - 18° in appositi bicchieri (Ballon)
Accostamenti: Arrosti, carne ai ferri, formaggi piccanti e stagionati.
Longevità: Da 10 a 18 anni.
Gradazione: 16.5% vol.
Vinificazione: >Dopo una attenta cernita dei grappoli più esposti e maturi e una apposita vendemmia manuale, i grappoli vengono messi in cassette di legno e portati nel fruttaio. Dopo lungo appassimento (circa quattro mesi) in ambienti areati con clima secco, i grappoli vengono pigiati. Il mosto viene poi fatto fermentare lentamente con macerazione delle vinacce per 25 giorni.